Abbronzatura veloce e naturale. Come?

abbronzatura

Cos'è l'abbronzatura?

L'abbronzatura è un meccanismo di difesa che la nostra pelle mette in atto per difendersi dai danni derivanti dall'esposizione, spesso incontrollata, alla luce solare e/o raggi UV artificiali (lampade abbronzanti).

Il cambio di colorazione della pelle, la tanto desiderata tintarella, è dovuta principalmente ad un pigmento cutaneo chiamato melanina, un filtro naturale che è in grado di assorbire e riflettere buona parte delle radiazioni solari.

La funzione della melanina è quella di proteggere la pelle dall'azione dannosa dei raggi UV, neutralizzando efficacemente la produzione di radicali liberi che causano l'invecchiamento cutaneo ed alcune patologie degenerative.

etnie

Cos’è la melanina?

La melanina è un insieme di pigmenti naturali neri, rossastri o bruni, che conferisce il colore a pelle, capelli e occhi: tali pigmenti sono prodotti da alcune cellule conosciute come melanociti.

L'esposizione ai raggi solari, o comunque alle radiazioni UV, stimola i melanociti a produrre quantità maggiori di melanina, che poi porteranno all'imbrunimento della pelle e quindi all'abbronzatura.

Non tutte le persone producono le stesse quantità di melanina, ma varia a seconda del luogo di provenienza, del tipo di pelle e anche dell'età: può diminuire negli anziani ed essere inferiore nei bambini. 

Per esempio la pelle scura delle popolazioni che vivono vicino ai tropici assicura una buona protezione dai danni solari, al contrario chi vive al nord, dove le radiazioni solari sono deboli, ha una pelle più chiara per favorire la sintesi della vitamina D, indispensabile per l'assorbimento intestinale del calcio e quindi per la salute dell'apparato scheletrico.

La melanina, quindi, se da un lato ci garantisce l'abbronzatura, dall'altro protegge la pelle dagli effetti negativi delle radiazioni solari agendo come un vero e proprio filtro. Tale sostanza è, infatti, in grado di ostacolare la penetrazione dei raggi ultravioletti negli strati più profondi della cute, ma può anche neutralizzare la produzione di radicali liberi, prevenendo le malattie degenerative e l’invecchiamento cutaneo.

Appare evidente quindi che stimolare la produzione di melanina può velocizzare il processo di abbronzatura, ma vediamo come.

Attivatore di abbronzatura. Cos'è?

Gli attivatori di abbronzatura sono quelle sostanze che stimolano la produzione di melanina, aiutando a rendere il nostro colorito più bello e dorato, ma anche più resistente e durevole nel tempo. 

pesche

È possibile stimolare la melanina naturalmente con i cibi. Come?

Per ottenere un'abbronzatura intensa e uniforme è buona regola assumere alimenti ricchi in acqua, sali minerali e vitamine.
L'acqua è molto importante per mantenere la cute idratata e reintegrare le grosse perdite di liquidi causate dalla sudorazione.

Il beta carotene è il nutriente più importante in nella formazione di melanina.

Tra gli alimenti a maggior contenuto di carotenoidi troviamo la carota, che contiene ben 1200 microgrammi di vitamina A ogni cento grammi di prodotto (più del doppio della razione giornaliera raccomandata). In generale il beta carotene abbonda nei vegetali gialli, arancioni e verdi come pesche, albicocche, angurie, broccoli, rucola e meloni.

Quindi le carote sono un ottimo attivatore di abbronzatura, così come i pomodori che svolgono anche un’azione antiossidante. 

Riassumendo, per ottenere un'abbronzatura perfetta e, allo stesso tempo, per fornire alla pelle tutte le sostanze di cui ha bisogno, è utile aumentare il consumo di cibi, quali:

  • Frutta e vegetali di colore arancio o giallo, come carote, albicocche, meloni, pesche;
  • Frutta e vegetali di colore rosso, come i pomodori (ricchi di licopene), i peperoni, i cocomeri, il radicchio, le fragole e le ciliegie;
  • Frutta ricca di vitamina C, come i kiwi e gli agrumi;
  • Verdure come lattuga, broccoli, sedano e rucola;

Anche l'uso di condimenti come l'olio extravergine di oliva crudo può aiutare la pelle a difendersi dai danni dei raggi solari, poiché è ricco di polifenoli, sostanze dalle spiccate proprietà antiossidanti. Tra i condimenti preferite l'olio extravergine di oliva perché aumenta l'assorbimento del betacarotene;

mallo di noce

Attivatori naturali di abbronzatura da applicare sulla pelle

Oltre all’alimentazione si possono utilizzare anche prodotti da applicare direttamente sulla pelle, come per esempio l'oleolito di mallo di noce, un estratto naturale con proprietà abbronzanti, protettive e idratanti.

L'oleolito di mallo di noce infatti stimola la produzione di melanina e agisce anche come filtro solare proteggendo la pelle dai danni dei raggi UVB

È comunque importante preparare gradualmente la pelle all’esposizione del sole, cominciando ad utilizzare l'oleolito al mallo di noce a partire dalla primavera o inizio estate, meglio se almeno una settimana prima dall’esposizione al primo sole.

Non dimenticate, inoltre, di proteggere la pelle con appositi filtri solari, è bene precisare che nonostante la sua azione protettiva e parzialmente schermante, l'uso dell'olio di mallo non può in alcun modo sostituirsi all'impiego di adeguati filtri solari.


Se questo post ti è piaciuto lascia un commento
o condividilo, ci farebbe molto piacere. Grazie ;-)


Lascia un commento

I commenti dovranno essere approvati prima della pubblicazione